Viaggi di Nozze


Scegli fra le destinazioni che Traccia La Meta ha selezionato per la vostra luna di miele. Ecco una panoramica dei luoghi più richiesti.

Relax

Non ti ristora forse il dolce sole nel mare, e così anche la luna? Il loro volto, respirando l’onda, non risale più bello? Non ti alletta il cielo profondo, l’azzurro che nell’acqua trascolora? E il tuo volto stesso non ti chiama quaggiù, nell’immutabile rugiada?

(W. Goethe)

“Le isole che giocano con il mare”. Così il comandante Cousteau definiva le Maldive, l’idilliaco arcipelago tropicale tra i più belli al mondo.

Oltre mille perle disseminate nell’Oceano Indiano, a formare 26 atolli che emergono da acque calde ed invitanti. Palme, spiagge bianchissime e lagune dal turchese intenso, sono la promessa di questo ultimo paradiso terrestre, dove la natura si esprime in tutta la sua maestosa potenza, incurante degli esseri umani: un posto da vedere il prima possibile, prima che cambi o scompaia irrimediabilmente.
Luogo ideale per il relax ed il romanticismo, queste isole sono meta imperdibile per gli appassionati di immersioni: distese di coralli e una ricchissima fauna marina popolano le acque dell’arcipelago, regalando colori ed emozioni che rimangono indelebili nella memoria.
Grazie al clima equatoriale, le Maldive possono essere visitate in ogni momento dell’anno, ma il periodo compreso tra dicembre ed aprile è sicuramente il migliore.

Numero di giorni consigliati: da 7 a 10
Estensioni abbinabili: Sri Lanka, Seychelles, Mauritius, Dubai

Da sempre fra le mete più sognate, per gli scenari incantevoli e la magia della natura incontaminata.

Tante isole, ognuna con la propria forte identità, ma tante emozioni diverse e uniche.
Bahamas, l’arcipelago eterogeneo dove si può scegliere di divertirsi o di rilassarsi a largo delle Out Islands. Turks e Caicos, la meta perfetta per chi cerca sabbia bianca di velluto e mare turchese. Le splendide isole vergini americane e britanniche, o la frizzante Barbados, dal cuore inglese e l’anima caraibica. Martinica, la ”Parigi dei Caraibi” con il suo paesaggio fiorito che la rende un posto unico e meraviglioso. La selvaggia Antigua, ideale per una fuga romantica tra mare e natura. La lussureggiante Giamaica con le sue foreste, cascate e paesaggi incredibili; o la più conosciuta Repubblica Dominicana, dove scegliere se rilassarsi o scatenarsi al ritmo di merengue. Isole esclusive come Anguilla o le Antille francesi con la moderna St. Martin, o la più chic St. Barth. Ma ancora le splendide Guadalupa e Santa Lucia. Qualunque sia la scelta, un viaggio ai Caraibi è sempre una ricetta unica e sicura per creare ricordi perfetti di una vacanza ideale.

Numero di giorni consigliati: da 10 a 15
Estensioni abbinabili: Canada, Stati Uniti, Messico, Hawaii, Polinesia

Terra leggendaria, la Polinesia da sempre ha fatto innamorare di sé migliaia di viaggiatori.

Gauguin scelse le isole polinesiane come seconda patria e vi trascorse gli anni più fecondi della sua carriera. La natura, l’accoglienza del suo popolo e la magia delle tradizioni sono il segreto del fascino di Bora Bora, Moorea, Rangiroa, Tahiti e delle oltre cento isole che formano gli arcipelaghi della Polinesia. Il mare e la natura di queste isole offrono l’emozione di giocare con i delfini, delle passeggiate a cavallo; mentre i più coraggiosi possono mettersi alla prova sfidando le forze della natura con lo sci d’acqua, lo snorkeling, il diving o provare il brivido di sfamare uno squalo! La musica e il ballo sono parte integrante della cultura; non solo un momento di gioia ma un rito utilizzato per accogliere ospiti, per onorare divinità, o per accompagnare celebrazioni solenni. Lo straordinario popolo polinesiano è frutto dell’incrocio tra diverse razze, ma è soprattutto l’influenza francese che si ritrova ancora nella lingua, nell’architettura e nella cucina, facendo di questa terra la perfetta unione tra la classe dello stile francese e la bellezza dell’incantevole natura polinesiana.
Il periodo migliore per un viaggio in Polinesia è da maggio ad ottobre nelle più conosciute Isole della Società, ma anche da agosto a novembre, ad esempio, nelle isole Marchesi.

Numero di giorni consigliati: da 15 a 20
Estensioni abbinabili: Stati Uniti, Cile, Isola di Pasqua, Nuova Zelanda, Australia, Isole Cook

Popoli

Nessun uomo è qualunque. Se guardi bene, persino negli occhi dell’uomo più ordinario, vedrai che c’è stato un momento in cui il cielo e le stagioni e il roteare della Terra gli sono corsi incontro e – solo per lui – hanno magicamente incendiato il mondo.

(F. Caramagna)

Un mondo a parte, imprevedibile e pieno di contraddizioni. Un luogo che non si può raccontare, si può solo vivere e respirare.

India, un mondo così antico che conserva millenni di storia, di arte, cultura e religiosità. La diversità di razze, di culture, di ambienti, offrono scenari sempre diversi: processioni di cammelli nel deserto del Rajasthan; mercati permeati dalla fragranza di sandalo e gelsomino, tra venditori e donne avvolte in sari dai colori accesi; picchi innevati dell’Himalaya che si alternano alle spiagge di Goa, agli atolli corallini, alle acque interne del Kerala, ai villaggi e alle foreste tropicali. Semplicità e maestosità convivono nell’armonia del paesaggio: imperdibile il Taj Mahal, il mausoleo capolavoro dell’arte islamica più romantico conosciuto al mondo.
Ai piedi dell’Himalaya si estende il Nepal, una terra di paesaggi straordinari e antichi templi, percorsa dai sentieri più belli del mondo. Il Nepal è ricco di luoghi storico-religiosi: Kathmandu, dai templi maestosi e dai mercati sempre affollati; Bhaktapur, la più originale e autentica città dall’atmosfera medioevale; Patan, città-museo dall’armoniosa architettura; Pashupatinath, luogo sacro sul fiume Bagmati; e poi ancora Boudanath con il grande stupa bianco e la comunità di tibetani.
Per un tour completo dell’India il periodo migliore è certamente nei mesi compresi tra ottobre e marzo.

Numero di giorni consigliati: 15
Estensioni abbinabili: Maldive, Laccadive

La porta dell’Asia. Un meraviglioso paradiso tropicale dove l’amore fiorisce colorito così come le orchidee.

Esotica ed affascinante, questa terra antica e mistica, ricca di spiagge bianche sabbiose, foreste di palme, montagne lussureggianti, è lo scenario perfetto in cui l’antico e il moderno si mescolano creando uno stile eccezionale.
Templi ed elefanti, orchidee e foreste, risaie e palme, Buddha dorati e mercati galleggianti, monaci e sorrisi… Ma l’antico Regno del Siam è anche un aperitivo al calar del sole, con viste mozzafiato di Bangkok dalle moderne terrazze panoramiche degli sky bar; sono i trattamenti benessere famosi in tutto il mondo; sono i soggiorni balneari lungo le incantevoli spiagge delle piccole isole di Koh Tao, Koh Phangan, Koh Kood o sulle più rinomate isole di Koh Samui e Phuket.
Colori e profumi si mescolano nella grande varietà di costumi tradizionali, cucina, musica, danza e arte. La sua gente ospitale e il clima piacevole tutto l’anno, fanno da sfondo a questa terra meravigliosa, tutta da scoprire.
I mesi migliori per un viaggio in Thailandia sono quelli di gennaio e febbraio. Quella da novembre ad aprile è la stagione per scoprire la Thailandia delle spiagge e del mare cristallino.

Numero di giorni consigliati: 15
Estensioni abbinabili: Cambogia, Laos, Vietnam, Birmania, Singapore, Malesia

Una gioia per gli occhi. La ricchezza di una civiltà unica, forgiata dalla storia di un grande passato.

Sono tanti i motivi per visitare il Vietnam. Hanoi, l’antica Saigon, offre una molteplicità di splendidi monumenti: il Tempio della Letteratura, dedicato a Confucio; il mausoleo di Ho Chi Min; il Tempio della montagna di Giava, raggiungibile mediante un suggestivo ponte di legno. Nella Baia di Halong si trovano una miriade di isolette da scoprire sulle tipiche giunche. Numerosi sono i villaggi contadini della regione di Mai Chau, con terrazze coltivate a riso e the e le caratteristiche abitazioni a palafitta. Verso il confine cinese si sfiora il Monte Fansipan con la cittadina di Sapa, punto di partenza per escursioni e trekking. Una piacevole sorpresa è l’isola tropicale di Pho Quoc, con le sue spiagge di sabbia bianca e verdi palme.
Avventura, templi remoti, esplorazioni uniche e suggestive: questo è la Cambogia. Da Siem Reap, culla dell’Impero Khmer, con lo spettacolo del Lago Tonle Sap, al complesso archeologico di Angkor. Phnom Penh è la vivace e frenetica capitale adagiata sulle sponde del fiume Mekong; imperdibile il suo Palazzo reale con la famosa pagoda d’argento.
Per visitare l’intero paese il periodo più indicato è tra febbraio ed aprile; per il nord e il sud del Vietnam sono perfetti anche i mesi da novembre a gennaio.

Numero di giorni consigliati: 15
Estensioni abbinabili: Thailandia, Laos, Birmania, Singapore, Malesia

Cultura

La storia è vera testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra di vita, messaggera dell’antichità.

(Marco Tullio Cicerone)

Un paese unico dove è possibile unire l’emozione della storia al relax su splendide spiagge bianche.

Dal Pacifico ai Caraibi, dal deserto alla giungla tropicale, dall’altipiano ai vulcani innevati, il Messico offre un’incredibile varietà di luci, colori e paesaggi, insieme ad una profonda unità culturale che si adatta al progresso con orgogliosa dignità di radici e tradizioni. Nessun altro paese del “Nuovo mondo” offre al turismo simili ricchezze: gastronomia, spiagge, grandiosi siti archeologici, storia, folklore e arte coloniale. In territorio interamente messicano è la Bassa California, una lunga e sottile striscia di terra che si allunga tra il Pacifico e il Mar di Cortés: un incontro inatteso tra la montagna, il deserto e il mare. Un invito al silenzio e al riposo. Ma se ci si sposta verso sud la vita esplode: 3.000 km di coste dalle spiagge prevalentemente vergini; escursioni in montagna per ammirare i cervi reali; immersioni subacquee nei fondali marini tra i più belli al mondo: al largo potreste essere fortunati e vedere arrivare e ripartire le balene! Tra le spiagge da segnalare: Playa del Amor, dove confluiscono le acque del Pacifico e del Mar di Cortés; Las Palmas, sulla costa pacifica; mentre per gli appassionati di surf è ottima San Pedrito.
La stagione migliore per gustarsi le spiagge del Messico è sicuramente quella che va da dicembre a maggio.

Numero di giorni consigliati: 10-15
Estensioni abbinabili: Canada, Stati Uniti, Caraibi, Hawaii, Polinesia

E’ troppo per crederla vera; una terra così complicata, immensa, insondabile. E così bella, vista da lontano: canyon d’ombra e di luce, scoppi di sole sulle facciate in cristallo, e il crepuscolo rosa che incorona i grattacieli, come ombre senza sfondo drappeggiate su potenti abissi.

Gli Stati Uniti sono un paese dai mille volti, offrono paesaggi e scorci che non finiscono mai di stupire. New York, Washington, Niagara, il primo classico contatto con gli U.S.A.; la Florida, con il suo sole, il mare e la vita notturna; il Gran Canyon, la Death Valley, il Bryce Canyon: i luoghi simbolo del Far West del mito americano; Las Vegas, con i suoi eccessi, il surreale, il divertimento che fa tornar bambini; Los Angeles e il sogno del cinema e delle grandi star. Il South West è una delle regioni più belle degli Stati Uniti: spazi immensi e bellezze naturali mozzafiato: alla scoperta di Nevada, Arizona, Utah, Colorado e New Mexico, per gli amanti della natura e dei viaggi on the road.
Imperdibili sono anche i tanti parchi nazionali: dai più famosi Yosemite e Yellowstone ai piccoli tesori meno conosciuti come Antelope Canyon.
E ancora, le incantevoli isole Hawaii, meta dei surfisti e vero e proprio paradiso terrestre. Tutto questo ed altro ancora si può vivere negli States!

Numero di giorni consigliati: 10-15
Estensioni abbinabili: Canada, Messico, Caraibi, Hawaii, Polinesia

Tra modernità e tradizione: il fascino senza tempo di una cultura millenaria.

Il paese dei contrasti e di eccezionali bellezze naturali da ammirare seguendo il corso delle stagioni, di feste che si succedono tutto l’anno, di raffinata arte ed architettura, di cucina fatta per essere gustata con gli occhi prima che con il palato, della cortesia tutta orientale. L’assoluta modernità degli imponenti grattacieli di Tokyo si fonde alla tradizione dei templi di Kyoto e dei suoi meravigliosi giardini, testimonianza della creatività e dell’armonia di cui è pervaso questo straordinario paese.
Chi visita il Giappone non può non assistere alla cerimonia del The o visitare un autentico giardino giapponese, come quello di Kenroku-en, a Kanazawa, uno dei più belli ed antichi; oppure fare shopping nel quartiere di Ginza a Tokyo, la Manhattan del Giappone; o godere delle bellezze di Nara, nell’isola di Honshu; o ancora, immergersi nell’atmosfera medievale dei villaggi sulle montagne, come Takayama, borgo d’epoca feudale.
I periodi migliori per visitare il Giappone sono la primavera – da marzo a maggio – e l’autunno – da settembre a novembre – quando le temperature sono particolarmente gradevoli e i paesaggi si ricoprono di meravigliosi colori.

Numero di giorni consigliati: 10
Estensioni abbinabili: Cina, Corea del Sud

Natura

C’è un piacere nei boschi senza sentieri,
c’è un’estasi sulla spiaggia desolata,
c’è vita, laddove nessuno s’intromette,
accanto al mare profondo, e alla musica del suo sciabordare:
non è ch’io ami di meno l’uomo, ma la Natura di più.
(G. G. Byron)

Là dove un grande fiume va a perdersi nel deserto del Kalahari c’è un angolo di paradiso, un vero santuario della natura.

Un viaggio in Botswana permette di visitare uno degli ultimi paradisi naturali che ha saputo mantenere inalterato il suo aspetto più selvaggio: il delta dell’Okavango, fatto di canali, lagune ed isole. Solcando la laguna sul mokoro, la tradizionale piroga, si possono incontrare coccodrilli, ippopotami ed elefanti. Ai confini del delta, la riserva Moremi regala l’emozione di un’immersione totale in un habitat intatto, ricchissimo di animali. Al Parco Chobe si possono ammirare le pitture rupestri dei Boscimani, mentre il fiume Chobe offre lo spettacolo unico di immensi branchi di elefanti che attraversano le sue acque.
Nel sud ovest si estende la Namibia, con i deserti del Kalahari e del Namib, e le spettacolari dune di Sossusvlei; il Parco Nazionale di Etosha, un ambiente desertico che si trasforma in un lago durante la stagione delle piogge e mostra i grandi animali africani; la costa degli Scheletri, così chiamata per i numerosi relitti di navi arenate dopo il naufragio; il Fish River Canyon, maestoso e paragonabile al Grand Canyon degli Stati Uniti.
Viaggiare è piacevole tutto l’anno, ma i mesi da maggio a settembre sono ideali, poiché più freschi.

Numero di giorni consigliati: 10-15
Estensioni abbinabili: Zimbabwe, Mozambico, Zambia, Seychelles, Mauritius, Madagascar

E’ l’Africa selvaggia, quella delle grandi riserve e delle distese della savana, degli animali liberi, dei colori dei tramonti che sembrano dipinti da poeti viaggiatori.

Ma c’è anche la Tanzania delle vette innevate del Kilimangiaro e quella delle spiagge bianche e soffici, del mare turchese dell’Oceano Indiano che accoglie incantevoli isole come Pemba, per gli appassionati di sub, con i suoi fondali corallini e le rare tartarughe verdi; o come Mafia, l’isola ideale per relax e tranquillità sulle spiagge assolate. La Tanzania è una delle nazioni africane con la maggior presenza di parchi naturali. Tra questi, imperdibile è il Serengeti, con le sue maestose acacie, leoni, leopardi, giraffe, rinoceronti, zebre, gnu, bufali e fenicotteri; e la riserva naturale del Ngorongoro, che nasce attorno al cratere dell’omonimo vulcano. Di grande interesse anche il sito archeologico delle Gole dell’Olduvai, considerato la Culla dell’Umanità. E poi c’è la sensualissima Zanzibar, la più grande delle isole che si trovano al largo della costa, che fu un importante centro per il commercio delle spezie e che oggi trasuda letteralmente aromi esotici. Zanzibar è il luogo ideale dove poter apprezzare l’architettura swahili. Stone Town, la capitale, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.
Sia per gli amanti dei safari che del mare, i mesi più adatti per un viaggio in Tanzania sono sicuramente luglio, agosto e settembre.

Numero di giorni consigliati: 10
Estensioni abbinabili: Kenya

Immensi spazi aperti dove l’orizzonte diventa infinito, dove ogni paesaggio è diverso e i colori risplendono di una luce accecante. E di accecante bellezza.

L’Australia offre alcuni dei paesaggi più spettacolari ed esperienze uniche al mondo. Incantevole la barriera corallina con i suoi ricchissimi e coloratissimi fondali. Chi vuole osare può avventurarsi in un safari a dorso di cammello, o un trekking nella foresta vergine; ma non mancano le opportunità di oziare sulla spiaggia o concedersi una visita alle metropoli di Sydney, Adelaide e Melbourne. Un viaggio in Australia non può non prevedere un tour on the road lungo la Great Ocean Road, una delle strade panoramiche più belle del mondo, o una visita al parco naturale delle Blue Mountains, i monti dal tipico colorito bluastro. Una menzione speciale va alle bellissime spiagge bianche di Whiteheaven Beach. Tra i simboli dell’Australia è la grande roccia Uluru che al tramonto si colora di rosso. Imperdibile Kangaroo Island, un enorme parco naturale che ospita canguri, foche, koala e leoni marini. Per gli appassionati di vino e gastronomia Barossa Valley, una delle regioni vinicole più antiche d’Australia.
Gli stati del sud sono apprezzati durante i mesi estivi, ma il periodo migliore per andare in Australia è in primavera e autunno.

Numero di giorni consigliati: 15 Tour +7 mare
Estensioni abbinabili: Singapore, Hong Kong, Bangkok, Nuova Zelanda, Tasmania, Nuova Caledonia, Fiji, Polinesia

Deserti

Sulle sabbie del deserto come sulle acque degli oceani bisogna continuamente muoversi, e così lasciare che il vento, il vero padrone di queste immensità, cancelli ogni traccia del nostro passaggio, renda di nuovo le distese d’acqua o di sabbia, vergini e inviolate.

(A. Moravia)

Un viaggio nella purezza di una terra meravigliosa, immersa nella natura più intatta e nella spiritualità più profonda.

Il nome Mongolia evoca da sempre immagini esotiche: l’indomito condottiero Gengis Khan, le carovane di cammelli che attraversano il deserto del Gobi e i cavalli selvaggi che galoppano nelle steppe. Persino oggi la Mongolia sembra un luogo fuori dal mondo: non appena si esce da Ulaan Baatar, la moderna capitale, si ha l’impressione di essere catapultati in un altro secolo.
La Mongolia rimane una delle ultime destinazioni dell’Asia ancora in grado di riservare numerose avventure: attraversare le dune a dorso di cammello è un’esperienza unica, così come soggiornare nelle caratteristiche gher, le tipiche abitazioni dei nomadi mongoli. L’incontro con i nomadi incanta per la loro ospitalità in una realtà immutata da secoli, come le funzioni lamaiste, le cerimonie buddhiste e sciamaniche.
La Mongolia è una terra pura. La sua natura così selvaggia riporta indietro nel tempo per vivere emozioni dimenticate e riassaporare il valore di una vita semplice.
La stagione più adatta è di solito quella compresa tra maggio e i primi di ottobre. Ai primi di giugno nelle regioni settentrionali si svolge il Festival Naadam. Settembre e ottobre sono i mesi migliori per visitare il deserto del Gobi.

Numero di giorni consigliati: 10

Luoghi che parlano di silenzio e di solitudine, di mistero e di storia antica. Una terra di estremi, tutta da scoprire.

Il Cile è una sottile e lunga striscia di terra tra l’Oceano Pacifico e le Ande che si estende dal Tropico del Capricorno fino alla Terra del Fuoco.
A nord si ergono imponenti vulcani e montagne che celano straordinari altopiani, suggestivi laghi salati e lagune colorate di blu intenso: San Pedro de Atacama, il Salar de Atacama, la Laguna Verde e la Laguna Colorata, i Geyser del Tatio.
Sulla costa i pendii delle Ande cedono il loro posto a sconfinati deserti, che si estendono fino al mare. Al centro si concentra gran parte della popolazione e nelle valli vengono coltivati i rinomati vini Cileni.
A sud, la regione dei laghi, caratterizzata da un susseguirsi di vulcani, laghi, fiordi e foreste, preannuncia la Patagonia cilena, celebre per le sue montagne granitiche e i suoi ghiacciai. E poi la misteriosa Isola di Pasqua, che custodisce i segreti di un’antica cultura dimenticata, e nasconde misteri che rimangono ancora inspiegabili ai giorni nostri.
I periodi migliori sono da ottobre ad aprile in Patagonia e da maggio a settembre nel nord. Ma il Cile, così come l’Isola di Pasqua, è incantevole tutto l’anno.

Numero di giorni consigliati: 8
Estensioni abbinabili: Isola di Pasqua, Argentina, Perù

Un caleidoscopio di immagini multicolori e vorticose. Pietre che parlano, venti che cantano melodie lontane, carovane di mercanzie attraverso il deserto, uomini in caftani, dallo sguardo lontano, fuori dal tempo come i ricordi e le storie che raccontano.

Spiagge lunghe e dorate e cieli sempre azzurri, oasi lussureggianti e alte montagne dove fare trekking o sciare d’inverno. Il Marocco è una terra ricca di bellezze naturali e posti indimenticabili, affascinanti da visitare ed intriganti da esplorare: memorabili i paesaggi del deserto del Sahara e le catene montuose dell’Alto Atlante, Chefchaouen e Oregano. La costa marocchina ospita spettacolari villaggi di pescatori come Essaouira e spiagge incantevoli come Plage Quemada e Lallafatma.
Il Marocco, romantico e misterioso, è una delle destinazioni africane preferite da sempre.
Le principali attrazioni restano le città imperiali come Marrakech, Fez, Casablanca e Tangeri, ciascuna con la propria Medina, i bazar e le riads.
Fra suq e mercati, vicoli, palazzi e moschee, il Marocco è un mondo che pare immutato, nell’architettura e nello stile di vita, da com’era ai tempi in cui queste superbe città furono edificate.
I mesi a cavallo dell’estate – aprile/maggio e settembre/ottobre – sono ideali per visitare il nord del Paese; mentre per le città imperiali dell’entroterra meglio scegliere i mesi di marzo/aprile oppure ottobre/novembre.

Numero di giorni consigliati: 8

Email Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter